Klubi Sportiv Dinamo Tiranë

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OHr1OEeo2os[/youtube]

Dinamo Partizani, 1956

Il KS Dinamo Tirana (nome completo Klubi Sportiv Dinamo Tiranë) è una società calcistica con sede a Tirana, in Albania. Fondato nel 1949, milita nella Kategoria Superiore, la massima serie del campionato albanese.
La squadra ha molti fans in Italia, specialmente a Taranto dove un imprenditore del posto ha nominato la sua squadra locale ispirato alla squadra albanese.
È una delle squadre più titolate del Paese, avendo vinto il campionato di calcio albanese per 18 volte e la Coppe d’Albania 13 volte, il suo rivale principale è la concittadina SK Tirana.

Klubi Sportiv Dinamo Tirana are an Albanian football team, playing in the Albanian capital of Tirana, founded in 1950. They play at the Stadiumi Qemal Stafa which has a capacity of 25,000. Their main rivals are fellow Tirana team KF Tirana.
Dinamo Tirana are born as an affiliation to the Ministry of Interior. In 1995 the team were renamed KS Olimpik Tirana; in 1997 they returned to their original name. In the 2006–07 first qualifying round for the UEFA Cup the club were eliminated by PFC CSKA Sofia of Bulgaria (1–5 aggregate). Zoran Kastel was the goalscorer. After finishing third in the table in 2005–06 season, KS Dinamo Tirana named Faruk Sejdini as their new coach. One of Albania’s best teachers of footballing fundamentals, he had a spell at the club last term before being dismissed by president Besnik Sulaj.

Nella foto: la Dinamo Tirana nel 1974

Having returned following a spell at KS Shkumbini, Sejdini said: “It’s nice to be back.” On October 23, 2006, Faruk Sejdini was fired. At the start of the 2007–08 season, Agim Canaj took over as head coach. He has been replaced by Ilir Daja who led Dinamo towards the championship title, after a dramatic win against Partizani 2–1 in the final match, playing for 36 minutes with 9 players. In the summer of 2008 Ilir Daja moved into a position as director in order to make place for Marcelo Javier Zuleta from Argentina. The Argentinian coach also brought with him four Argentinian players; goalkeeper Daniel Bertoya, defender Alejandro Palladino, midfielder Agustín González, and striker Cristian Campozano. Zuleta only lasted for the first Champions League qualification match against Bosnians FK Modriča before he was replaced as coach by Artan Mergjyshi, for only one match. Together with Zuleta, the four Argentinian players also left the club. After Mergjyshi left, Zlatko Dalić, the actual coach of Croatia U-21, was appointed as new coach for Dinamo.

Nella foto: la Dinamo Tirana nel 1980 prima dell’incontro con l’Ajax

He signed a two year contract with the club. That deal was broken when Dinamo lost its second game in the re-beginning of the 2008–09 season against Partizani. Shkëlqim Muça was then appointed manager of the club five days after of Zlatko Dalić’s leave with Shkelqim Muca, in the 2009–10 season Dinamo won the championship again, registering its 18th success.
Blue Boys “Blue Boys” are an Ultras group for the Albanian football team, Dinamo Tirana. The group were formed in 2008 and have hundreds of members in first few years. They organise meetings and trips to matches in Tirana and also away matches in Albania and even abroad. They promote Dinamo Tirana to the local public and influence fans of the club in a number of ways4382

Nella foto: Skënder Begeja

In lingua albanese

KS Dinamo është klubi fubollistik shqiptar nga Tirana që u themelua më 19 korrik 1950 . Nga viti 1995 der më 1997 klubi ishte i njohur me emrin në Olimpik. Skuadra zhvillon ndeshjet si vendëse në stadiumin e vetë në Tiranë me një kapacitet prej 12,000 shikuesve.

Nella foto: Strakosha

KS Dinamo është 16 herë kampione e Shqipërisë në futboll, ka fituar 16 herë kupën e Shqipërisë. Po ashtu KS Dinamo ka marrë pjesë në skenën Evropiane të futbollit, kështu katër herë ka marrë pjesë në ligën e kampionëve të Evropës, pesë herë në kupën e UEFA-së, tre herë për kupën e fituesve të kupave dhe pesë herë për kupën Ballkanike.
Tani klubi udhëhiqet nga presidenti i klubit Besim Sulaj, z/president Avni Braçaj. trajner i ekipit për sezonin 2007-2008 është Zlatko Daliç me ndihmsa të tij :Ilir Bozhiqin dhe Ar tan Mërgjyshin. Aministrator: Ismet Saliu, Sekretar i Klubit: Avni Braçe dhe Zëdhënës shtypi:dr.Xhevdet Zekaj.

Nella foto: anno 1985

Klubi tashmë ka sponsor gjeneral Taivan.shpk dhe Alpet.shpk, dy kompani prestigjoze dhe tepër të sukseshme nëveprimtarinë e tyre ekonomike.Kujtojmë se Ac Milan e ka zgjedhur si partner në aktivitetin që do të zhvillojë në Shqipëri nëfillim të muajit qershor.

Nella foto: 1985/86 UEFA Cup, Dinamo Tirana-Ħamrun Spartans 1-0 0-0

Klubi i Futbollit Dinamo, i Tiranes, njihet per lojen e tij kombinative dhe spektakolare, shtrirjen e tifozerise ne mbare Shqiperine, si dhe per kulturen Fair-Play, brenda fushes se lojes dhe jashte saj.
Dinamo se bashku me Tiranën dhe Partizanin, skuader po e kryeqytetit Tirane, jane 3 klubet me te rendesishme te Shqiperise, te cilat kane rivalizuar fuqimisht me njera-tjetren qe prej krijimit te tyre, respektivisht ne vitet 1950 dhe 1946, duke dominuar toitalisht futbollin shqiptar, per mbi 40 vjet.
Ndeshjet Dinamo-Tirana-Partizani, perbenin derbin dhe klasiken e Shqiperise, duke qene se thithte interesin e rreth 90% te tifozeve dhe dashamireve te futbollit shqiptar, fanatike te ketyre skuadrave legjendare.

Fundi i vitit 1990, ne te cilin nisem ndryshimet demokratike ne Shqiperi, e gjeti Dinamon si ekipin e futbollit me te suksesshem ne historine e Shqiperise, me 15 kampionate te fituara dhe 12 Kupa te Shqiperise, duke e pasuruar arkivin e saj te sukseseve, si asnje skuader tjeter.
Pas vitit viteve ’90, ku ka patur nje dalje artificiale ne skene te SK Tiranes permes trofesh jobindes dhe pa rivalitetin e mjaftueshem, klubi i futbollit Dinamo, eshte rikthyer fuqishem si ekip domuniues ne vend, duke fituar Kampionatin e sezonit 2001-02, me nje rekord absolut te futbollit shqiptar deri me sot, prej 18 fitoresh rradhazi.
Gjithashtu, Dinamo i shtoi almanakut te sukseseve te saj, edhe trofeun e Kupes se Republikes, gjate sezonit 2002-2003. Nderkohe, Dinamo eshte duke kryesuar pothuajse gjithe sezonin Superligen shqiptare, 2007 – 2008, te cilen pritet t’a fitoje me merite ne fund te sezonit, per te 17-n here, brenda vetem 58 vitesh te ekzistences si klub.

Nella foto: Sulejman Demollari

Dhe ashtu ndodhi me 17 maj 2008 u shpall kampione per sezonin 2007=2008, pas nje fitorejej fantastike kunder “Partizanit” nje ndehsje ku luajti per 35 minuta me 10 lojtare dhe fitoi 2=1 duke u shpallur kampion.

Nella foto: uno storico derby contro il Partizani

Dinamo, falë investimeve dhe menaxhimeve serioze të z.Besnik Sulaj këtë sezon ktheu në skuadër emra të mëdhenjtë futbollit shqiptar si:Pisha, portieri Kotorri, Allmuça, Abraham, Kuli e Pema si dhe Pejiç, Graniç. Ardhja e trajnerit Ilir Daja po e mban ekipin në krye të klasifikimit për periudhën 2007-2008.

Fk Dinamo vlerësohet edhe mardhëniet e reja me fansat dinamovit, por edhe në ristrukturimin total të klubit si dhe puna me ekipet e moshave është venë në baza të moderne e bashkëkohore etj.

Nelle foto: la Dinamo nel 1981 contro il Carl Zeiss Jena (sopra) e nel 1989 contro la Dinamo di Bucarest

servizio a cura di/ artikull nga Mario Bocchio

Cairo: “Al Toro servono innesti mirati e molto limitati”

“Lo scopo di questa partita non era certamente il risultato roboante, non mi interessava il numero dei gol. Eravamo reduci da due giorni di lavoro pesante dopo la ripresa della preparazione, ho visto alcune buone giocate, l’elemento essenziale è che nessuno si è fatto male e nel complesso si è trattato di un buon test. Sono anche contento perché abbiamo regalato un bell’incasso al Ragusa Calcio, società che ringraziamo per la collaborazione in questi giorni di ritiro”: è quanto ha dichiarato il tecnico del Torino Giampiero Ventura dopo l’amichevole vinta 5-0 contro la compagine siciliana, che milita nel torneo di serie D (nella foto, una fase del match).
Un giornalista locale, rivolgendosi al Mister granata, ha voluto sottolineare come la Sicilia, scelta per il ritiro durante la pausa natalizia, porti fortuna al Torino. “Lo spero, ce lo auguriamo tutti. In questi giorni stiamo lavorando bene, sabato a Catania ci attende un impegno molto difficile contro una squadra ben organizzata e di qualità. Lavoreremo col solito impegno per essere all’altezza della situazione”, ha risposto Ventura.
Allo stadio Aldo Campo, quartier generale della truppa granata, è giunto anche il presidente Urbano Cairo. Inevitabile quindi aver fatto cenno al mercato, visto che peraltro è stato lo stesso patròn ad accendere le polveri parlando del suo pezzo più pregiato, il difensore Angelo Ogbonna, ancora convalescente dopo l’intervento chirurgico per un’ernia inguinale.
“Non ho ricevuto offerte né dalla Juventus né dal Milan, so che piace molto, ma ci sono società molto titolate dall’estero che lo seguono. In ogni caso ora si sta riprendendo dall’infortunio, resterà con noi e ci darà una grossa mano”, ha tagliato corto, senza esitazioni, Cairo.
A Rolando Bianchi è stata chiesta una limatura del suo contratto (ma a Ragusa non c’era il suo agente, che è poi il fratello Riccardo, per cui i dirigenti granata hanno optato, correttamente, per un nuovo incontro a Milano), ma dovrebbe rimanere fino al termine di questo campionato, ma già si cerca il sostituto, soprattutto dopo la lite Sgrigna-Ventura, che allontana l’attaccante dal Toro. Per questo è stata bloccata per il momento la cessione di Sansone.
E mentre il giovane acerbo talento Diop dovrebbe essere mandato in prestito, proprio per farsi le ossa, al Crotone in serie B, Cairo ha fatto anche cenno al centrocampista centrale Sergio Almiron e agli attaccanti Paulo Vitor Barreto e Maxi Lopez: “A gennaio faremo innesti mirati e molto limitati. Saranno uomini chiamati a fornire un valore aggiunto, ma chi arriva in questo Toro per un mese dovrà imparare a giocare nel modulo di mister Ventura, dunque magari scenderà in campo dopo quattro-cinque partite. Non necessariamente devono aver già giocato con Ventura, servono soprattutto disponibilità e un buon livello tecnico. Almiron? Il Catania non lo cede: è un ottimo giocatore, ed è ormai diventato una leggenda metropolitana. Non è sul mercato. Barreto? Bisogna capire cosa vorrà fare l’Udinese: i rapporti con i friulani sono buoni, anche se con i Pozzo non si concludono mai affari. Vedremo se si tratterà di lui o di altri. Maxi Lopez? Ne avevamo parlato a luglio, era una delle ipotesi in campo, da quel momento però non ci sono state novità in merito”.

(mbocchio)

Juve al lavoro pensando al sostituto di Asamoah

Vacanze corte per la Juventus, che dal 28 dicembre è ritornata a lavorare a Vinovo: Mister Conte concederà un giorno di riposo il primo gennaio. Il tecnico bianconero non ha voluto organizzare trasferte all’estero, rifiutando anche lauti ingaggi per le cosiddette tournèe natalizie.
I bianconeri hanno chiuso il 2012 con la vittoria dello scudetto, il titolo d’inverno e la qualificazione agli ottavi di finale della Champions League. Niente male. Assolutamente.
“Il mio pensiero va proprio ai miei giocatori, che sono speciali e fanno cose straordinarie: avendo loro non ho paura di niente, ed è giusto coltivare il sogno e ottenere sempre il massimo”, ha voluto sottolineare ancora una volta il tecnico, reduce dalla nota squalifica.
In occasione del Natale ha parlato anche il portiere Gigi Buffon: “Di anti-Juve ce ne sono tante, sono talmente tante che non si sa chi scegliere.”. Con questa battuta il numero uno ha voluto avvertire sui rischi di considerare il campionato già chiuso con il vantaggio di otto punti sulla seconda in classifica, la Lazio di Petkovic.
“Il bilancio del 2012 è ovviamente positivo – ancora Buffon – . E’ stato un anno molto bello sotto tanti punti di vista, in tantissime sfide, sia imprenditoriali, che sportive, che mi vedono in tante vesti. Per cui spero con dedizione, con le idee, con l’umiltà di conseguire degli ottimi risultati in tutti i campi e sotto tutti i profili”. Che significa in primo luogo conferma del titolo italiano e possibilmente il più avanti possibile in Champions. Tutto questo prima di pensare al Mondiale del 2014 in Brasile con la maglia azzurra.
E veniamo, logicamente, al mercato, visto che tra pochissimo ormai si aprirà il cosiddetto supermarket di metà stagione.
I bianconeri perderanno per l’impegno in Coppa d’Africa (dal 19 gennaio al 10 febbraio in Sudafrica) il ghanese Kwadwo Asamoah, che nel corso di questa stagione è lo juventino con più partite disputate, 25, e con 1.925 minuti giocati, ovvero il quinto più utilizzato.
Asamoah dovrebbe saltare le partite dal 6 gennaio (Juve-Sampdoria) al 12 febbraio (Celtic-Juventus, andata) comprese le eventuali semifinali di Coppa Italia: nel mezzo ci saranno le sfide contro il Milan in Coppa Italia (9 gennaio), a Parma, contro l’Udinese ed il Genoa in casa, a Verona contro il Chievo e ancora allo Juventus Stadium contro la Fiorentina. Anche perché, visto il valore delle “Stelle Nere” del Ghana, c’è da ipotizzare un suo ruolo da protagonista sino alla fine nella massima rassegna continentale africana.
In questi giorni, mentre i giocatori si allenano a Vinovo, la dirigenza sta cercando di concludere l’ingaggio di Federico Peluso, esterno sinistro dell’Atalanta, individuato proprio come sostituto di Asamoah.
Il sogno ormai svelato, l’ivoriano Didier Droga, pare ormai destinato ad essere accantonato, anche perché anche lui sarà impegnato nella Coppa d’Africa e poi anche per il costo: una penale di circa 2 milioni di euro da versare ai cinesi dello Shanghai Shenhua e poi una retribuzione di 12 milioni a stagione che lui non è intenzionato a farsi ridurre.
Proprio su Drogba ci sarebbe però l’interessamento del Milan. Berlusconi dice che “sicuramente è un calciatore che mi piace tantissimo ed è davvero uno dei più forti che ci siano, ma in questo momento costa troppo. Lo possono prendere solo le squadre russe e arabe. Il Milan non può prendere dei giocatori fatti e finiti, dobbiamo puntare sui giovani anche sul mercato”.
Ma allora chi arriverà a gennaio, visto che Galliani è in Brasile, dove ha piazzato Pato al Corinthians e Robinho forse al Santos, mettendo su un gruzzoletto intorno ai 25 milioni di euro?
“Non lo posso dire – ha risposto Berlusconi -, ogni volta che parlo di un giocatore il prezzo si alza”. State a vedere che in alternativa a SuperMario Balotelli (se accetterà di limarsi l’ingaggio, anche perchè comunque non rientra nei progetti di Mister Mancini al City), potrebbe trattarsi proprio della stella Drogba, capace l’anno scorso di portare quasi da solo la Champions League nella bacheca del Chelsea.

(mbocchio)

Goleada Sassuolo, pareggio Livorno. Vince il Verona

Il Sassuolo si rialza e il Livorno rallenta. A quattro giorni dal big match tra le prime due in classifica gli emiliani riguadagnano due punti sui toscani. La squadra di Eusebio Di Francesco regola 5-0 il Cesena (Boakye, Troianiello, Bianchi, Berardi e Masucci) e si porta a 51 punti, a +4 dalla seconda. I toscani invece pareggiano in casa contro la Juve Stabia. Finisce 2-2 con gli amaranto avanti con Dionisi rimontati in avvio di ripresa da Cellini e Di Cuonzo ma capaci di pareggiare con il solito Siligardi.

In zona play off balzo in avanti dell’Empoli che nell’anticipo delle 12.30 vince in trasferta 3-0 (doppio Tavano) a Reggio Calabria e si porta a 33 punti, a 7 punti dal Verona che nel posticipo delle 18, nonostante lo svantaggio iniziale, ha battuto 3-1 il Modena al Bentegodi. Tre punti anche per il Brescia. I lombardi dilagano 5-0 in casa contro il Crotone. Apre il polacco Salamon, raddoppia De Maio, chiudono Mitrovic, Corvia e Picci alla prima rete con la maglia delle rondinelle.

Pari sofferto invece per il Varese di Castori. Ad Ascoli i biancorossi raggiungono l’1-1 solo del finale con la rete di Rea, dopo il gol iniziale del bomber Zaza, autore della rete numero 11 della sua stagione in Serie B. Zero punti per il Padova di Franco Colomba. A Lanciano, i veneti perdono 2-1, con la rete decisiva del neoentrato Paghera. Turno non felice anche per i cugini del Cittadella, fermati 1-1 in casa dal Bari di Torrente.

In zona retrocessione vacilla la panchina di Giancarlo Camolese. La sua Pro Vercelli cade al Libero Liberati di Terni. I piemontesi sono sconfitti 4-2 dagli umbri con le reti dell’argentino Alfageme, di Litteri e doppietta di Vitale. Per la squadra dell’ex tecnico del Torino a segno Tiribocchi e Scavone. Male anche il Vicenza di Breda. Veneti ko in casa per 3-2 contro lo Spezia. A segno Porcari, Di Gennaro e Benedetti per gli ospiti, Martinelli e Malonga per i veneti. In fondo alla classifica sprofonda ancora il Grosseto di Menichini che nella sfida salvezza contro il Novara di Aglietti perde 2 a 0 a -10 dal quart’ultimo posto, con una partita in meno.

Roma, Zeman: “Non bisogno di rinforzi, ho Totti”

“Mi spiace solo che qui non siamo tutti, però spero che la squadra così com’è possa lavorare in tranquillità e prepararsi per le partite che ci aspettano”. Il tecnico della Roma Zdenek Zeman spera che, nonostante le fatiche del lungo viaggio, la Roma sappia sfruttare le strutture a disposizione per lavorare bene in vista della sfida del 6 gennaio con il Napoli. “Di Totti è inutile parlare ancora, sono più di 15 anni che gioca a grandi livelli”, spiega il tecnico boemo rispondendo all’ennesima domanda sul capitano giallorosso.
“E’ vero che ha avuto infortuni pesanti, però la sua classe è sempre uscita fuori e sono contento che quest’anno stia dimostrando di potere dare tanto non solo alla Roma, ma al calcio italiano”. Per la Roma sta finendo un dicembre quasi decisivo per il cammino in campionato: “Decisivo sarà arrivare alla fine in una buona situazione, anche se è normale che i risultati vanno fatti durante il percorso. Ogni partita è buona per ottenere il risultato e per avere la voglia e la motivazione di cercare di superare l’avversario”.

Il nuovo stadio – Nelle prossime ore verrà svelata l’area dove sorgerà il nuovo stadio della Roma. Alle 18.30 di domani, presso la sala stampa del centro sportivo “Fulvio Bernardini” di Trigoria, “il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, insieme all’amministratore delegato della Roma, Claudio Fenucci, e al presidente, James Pallotta, in collegamento dalla Florida, terranno una conferenza stampa contemporanea per presentare la location del futuro stadio della Roma”.

Totti e il contratto – Se ce la farò ad inaugurare il nuovo stadio? “No, perché il mio contratto scade nel 2014… – sorride il numero 10 capitolino – Vedremo se riuscirò a giocarci o meno, ma sarà difficile”. Sul quarto di finale di Coppa Italia che potrebbe essere giocato sul campo della Fiorentina: “Non so cosa dica il regolamento realmente, ma da quanto sapevamo speravamo che passasse la Fiorentina per giocare in casa, invece poi è successo il contrario. Ora aspettiamo di capire se giocheremo a Roma, come spero, o a Firenze”.

No a rinforzi – Sulla finestra invernale del calciomercato, il dg Baldini fa sapere che “non credo faremo molto, forse non faremo niente. Il team è giovane, talentuoso e credo forte. Possiamo competere facilmente fino a fine stagione con questo gruppo senza fare grandi cambiamenti. Specialmente a metà stagione, spesso il mercato è per squadre che hanno disperata necessità di fare acquisti e noi non la abbiamo”.

Dopo 32 anni la Coppa ritorna a Madrid

La vecchia Coppa dei Campioni lascia definitivamente spazio alla Champions League schiava del dio denaro, del marketing e dei diritti televisivi. Da quest’anno non partecipano più solo le squadre vincitrici dei campionati nazionali, ma anche le seconde classificate degli 8 migliori Paesi della graduatoria Uefa. Dopo due turni preliminari rimarranno in lizza 24 squadre, che saranno suddivise in sei gironi al termine dei quali le prime e le due migliori seconde accederanno ai quarti di finale. Se questa edizione è la prima del nuovo corso, ebbene, come nell’altro esordio della Coppa, nel lontano 1956, è il Real Madrid a uscire vincitore. Per gli spagnoli si tratta del settimo successo, trentadue anni dopo l’ultima affermazione.
Il Real comincia nel facile gruppo D, con Rosenborg, Olympiakos e Porto. L’inizio degli spagnoli è in discesa, contro il Rosenborg vincono 4-1 con rete iniziale di Panucci. Il Real è una macchina fino al match di ritorno contro i norvegesi, al quale gli spagnoli arrivano forti del primato nel girone e a un punto dalla certezza matematica della qualificazione. Raul fallisce due occasioni di un niente e Hierro colpisce un palo nella prima mezz’ora. Sul finire del primo tempo, a sorpresa, il Rosenborg va in vantaggio con una rete di Strand su assist di Jakobsen e raddoppia a inizio ripresa con un bel tiro al volo di Brattbakk sempre su assist di Jakobsen, chiudendo la partita. Il Real poi vince l’ultima partita in casa contro il Porto e si assicura il primo posto. Il Rosenborg viene invece eliminato sul filo di lana ad Atene da una punizione di Djordjevic, che pareggia al novantesimo, regalando la qualificazione tra le migliori seconde alla Juventus.

Nei quarti di finale per il Real c’è il Bayer Leverkusen, l’unica squadra non campione del suo paese ad essere ancora in gara. A Leverkusen il Real inizia bene e dopo due minuti Savio colpisce il palo. Dopo poco più di un quarto d’ora Beinlich con una fiondata da fuori area piega le mani a Illgner e porta in vantaggio il Bayer. Il Real avrebbe subito la possibilità di pareggiare ma la conclusione di Hierro viene nuovamente fermata dal palo. Nella ripresa il Real pareggia con Karembeu che prende palla a centrocampo e, dopo aver scartato un difensore, all’ingresso in area di rigore castiga il portiere tedesco Heinen. Al Bernabeu il Bayer resiste solo nel primo tempo, prima di crollare a inizio ripresa sotto i colpi del redivivo Karembeu e della giovane punta Morientes.
La semifinale con il Borussia Dortmund campione uscente comincia con un curioso incidente: al Bernabeu, poco prima dell’inizio, i tifosi del Real si arrampicano sulla rete di protezione che separa la curva dal campo e alla quale sono attaccati i tensori che tengono in piedi la porta. Piegando la rete, i supporter delle merengues si trascinano dietro la porta, che crolla al suolo ritardando l’inizio di ben 76 minuti. Il Borussia sporge reclamo e lo consegna all’arbitro Van der Ende, ma la contesa inizia ugualmente. Come nei quarti l’uomo decisivo è Morientes, che sfrutta alla grande un cross di Roberto Carlos nel primo tempo e nella ripresa regala l’assist a Karembeu, in netto fuorigioco al momento del passaggio, per il raddoppio. Il Borussia di Nevio Scala, senza Sammer, Heinrich, Kohler e Moller può poco di fronte a un ottimo Real. Per l’incidente della porta l’Uefa infligge due giornate di squalifica al Bernabeu e una pesante multa ai madridisti.
Al ritorno il Borussia bersagliato dagli infortuni non dà mai l’impressione di poter ribaltare il risultato. Il Real colpisce una traversa con Roberto Carlos su punizione e guadagna senza problemi la finale contro la Juventus.

Nella foto: il nostro Mario Bocchio mentre stava intervistando il presidente del Real Madrid Lorenzo Sanz.

Nell’avveniristica Amsterdam Arena i bianconeri si presentano favoriti come l’anno precedente e come dodici mesi prima partono meglio dei rivali.
Zidane folleggia in mezzo al campo e sfiora la rete su punizione. Dopo circa mezz’ora la Juve si spegne improvvisamente e lascia l’iniziativa nelle mani del Real che va vicino al gol con Raul e Roberto Carlos. La ripresa denota ancora i problemi di manovra che la Juve aveva palesato nel primo tempo, Inzaghi e Del Piero non ricevono palloni giocabili. Prima della mezz’ora, il gol partita: un diagonale innocuo di Roberto Carlos viene smorzato da Iuliano e finisce sui piedi di Mijatovic a pochi passi da Peruzzi. Il montenegrino aggira il portiere juventino e deposita la palla in rete.
Un minuto e Inzaghi da due passi non riesce a sfruttare un invitante assist di Del Piero, sofferente per un problema muscolare che comprometterà il suo rendimento al Mondiale di Francia. Alla mezz’ora Davids ha una ghiotta palla gol al termine di una mischia che gli consente di battere a rete dal dischetto senza avversari davanti. Il tiro però è centrale e viene bloccato da Illgner. La Juve si riversa in attacco ma non c’è niente da fare e il Real ottiene un meritato trionfo.
L’uomo-simbolo del successo “merenge” è Predrag Mijatovic. Il 20 maggio 1998 Predrag Mìjatovic non sapeva che i primi tifosi a festeggiare il suo gol contro la Juventus, ovviamente dopo i madridisti, sarebbero stati quelli della Fiorentina, i suoi futuri sostenitori. All’epoca non si parlava di un possibile approdo nel campionato italiano per questo montenegrino dagli illimitati orizzonti tecnici, che veniva guardato con scetticismo perché non ritenuto meritevole del secondo posto dietro Ronaldo nella corsa al Pallone d’Oro, davanti a giocatori come Zidane e Del Piero.

Nella foto: il gol di Mijatovic alla Juventus.

Il gol di Amsterdam, che ha riportato la Coppa a Madrid dopo 32 anni di digiuno, è probabilmente il più importante della sua carriera. Arrivato alla Fiorentina dopo sei stagioni in Spagna (tre a Valencia e tre a Madrid) in tre stagioni gioca solo una quarantina di partite, dando l’impressione di un precoce declino. Chiude ancora in Spagna, nel Levante.
Le italiane. Con la nuova formula della Champions League l’Italia, classificata nelle primissime posizioni del ranking Uefa, ha diritto all’iscrizione di due squadre: la Juventus campione d’Italia e il Parma secondo classificato. Per i gialloblù si tratta di un debutto assoluto nel massimo trofeo continentale. In quanto qualificati per la Champions League come secondi classificati, gli emiliani devono giocare il secondo turno preliminare prima di essere ammessi tra le magnifiche 24 poi suddivise nei sei gironi. Avversari sono i polacchi del Widzew Lodz, squadra nettamente inferiore agli uomini di Ancelotti, che infatti non hanno problemi a superare l’ostacolo. Effettuato il sorteggio dei gironi il Parma si trova a lottare con Borussia Dortmund, Sparta Praga e Galatasaray.
La prima partita vede gli emiliani a Praga contro lo Sparta, teoricamente l’avversario più debole del girone. Thuram e compagni però non vanno oltre lo 0-0 complicandosi la vita già dall’inizio perché il Borussia va a vincere in Turchia. Il Parma raddrizza la situazione battendo Galatasaray e Borussia in casa, ma crolla in Germania 0-2 nonostante un fenomenale Buffon che intercetta ben due rigori (a
Chapuisat e Moller). Il suicidio emiliano si completa al Tardini, dove i gialloblù devono superare lo Sparta per sperare ancora nella qualificazione. Il vantaggio iniziale di Chiesa dopo una ventina di minuti illude il Parma, che si rilassa subendo due reti nei minuti di recupero del secondo tempo, prima che Chiesa su rigore al 96′ pareggi definitivamente. Le speranze di passare come migliore seconda sono ridotte al lumicino e per sperare gli uomini di Ancelotti devono comunque vincere a Istanbul. In Turchia i ducali, già rassegnati all’ eliminazione, non vanno oltre il pareggio (1-1) e salutano l’Europa amaramente.

Nella foto: Raul con Mario Bocchio.

La Juventus si ripresenta più agguerrita che mai a riconquistare il trofeo, con il capocannoniere del campionato italiano Pippo Inzaghi al posto di Vieri, ceduto all’Atletico Madrid per 34 miliardi. Nel suo girone la Juve se la dovrà vedere con il Manchester United, dominatore incontrastato della Premiership. Superato il Feyenoord al debutto, la Juve va all’Old Trafford, espugnato l’anno prima. Pronti via e dopo venti secondi Del Piero è a tu per tu con Schmeichel e lo trafigge. I bianconeri, privi di Conte e Di Livio, non riescono a gestire il vantaggio e subiscono gli attacchi in massa dello United. Il gallese Ryan Giggs è in una di quelle serate in cui lo si può fermare solo sparandogli e il Manchester, guidato dalla sua ala sinistra, rimonta fino a portarsi sul 3-1 a un minuto dalla fine proprio con Giggs, il migliore in campo. La punizione di Zidane all’ultimo minuto rende meno pesante la sconfitta. Il Kosice non impensierisce i bianconeri che traggono sei punti dal doppio confronto prima della disfatta di Rotterdam, contro un Feyenoord già eliminato: una doppietta dell’argentino Julio Cruz spinge una Juve inerte e irriconoscibile sull’orlo dell’eliminazione a giocarsi tutto nella sfida del Delle Alpi contro il Manchester che ha vinto tutte le cinque partite disputate ed è già sicuro della qualificazione. Per passare la Juventus, oltre che della vittoria, ha bisogno anche di un risultato favorevole ad Atene dove il Rosenborg vincendo eliminerebbe la Vecchia Signora. I bianconeri partono all’attacco ma si spengono ben presto: la loro manovra è poco incisiva e disordinata. Il Manchester, giocando sulle ali della tranquillità, arriva spesso dalle parti di Peruzzi. Nella ripresa con Pecchia al posto di Tacchinardi la Juve acquisisce più pericolosità offensiva, intanto da Atene arriva la notizia del vantaggio dell’Olympiakos che fa esplodere il Delle Alpi, gelato poco dopo dal pareggio del Rosenborg. La Juve preme sempre di più, Inzaghi spreca due palle gol, Pecchia divora un gol già fatto calciando fuori a tu per tu con Schmeichel. Il Rosenborg è intanto passato in vantaggio, gettando nello sconforto Torino. Il Manchester si chiama fuori dalla partita e lascia alla Juve l’iniziativa; al 38′ Zidane si libera sulla sinistra e pennella un cross perfetto per la testa di Inzaghi, che batte Schmeichel. Gli ultimi sette minuti sono un thriller, la partita del Delle Alpi scivola via senza scossoni in attesa del miracolo da Atene, che avviene a tre minuti dal termine quando Predrag Djordjevic insacca il 2-2 su calcio di punizione. Il Delle Alpi, passata la grande paura, è in festa.

Nella foto: la consegna della settima Coppa dei Campioni al Real Madrid.

L’accoppiamento dei quarti riserva alla Juventus un viaggio in Ucraina per la Dinamo Kiev di Shevchenko. Da questo momento in avanti però la Juventus potrà contare anche sul motorino di centrocampo Edgar Davids, svenduto dal Milan a dicembre, che sarà l’uomo decisivo della stagione juventina. L’andata a Torino vede la Juve costantemente all’attacco con una manovra che però si sviluppa troppo per vie centrali infrangendosi spesso contro il muro ucraino. Le occasioni comunque sono tutte per i bianconeri, che sfiorano il gol a più riprese con Inzaghi, Del Piero e Zidane nel primo tempo e con lo stesso Del Piero che colpisce la traversa nel secondo tempo un minuto prima dell’immeritato vantaggio ucraino. È il 56′ quando su un corner Rebrov spazzola di testa mettendo fuori tempo Peruzzi, sulla linea Deschamps respinge di ginocchio proprio sui piedi di Gusin che scaraventa in rete di potenza. A questo punto la Juve si precipita all’attacco e trova il pareggio con Inzaghi che ribatte una respinta del portiere su un suo colpo di testa. Le parate dell’estremo difensore ucraino conservano il risultato di parità. A Kiev, quindici giorni dopo, davanti ai 100.000 dell’Olimpyskis Stadion, la Juve sfodera una grande prestazione. Inzaghi è l’eroe della partita con una tripletta che ammutolisce i tifosi della Dinamo e consegna alla Juve le chiavi della semifinale.

Nella foto: festa grande per le Merengues sul prato di Amsterdam.

L’ultimo ostacolo prima della finale è rappresentato dal Monaco, che al Delle Alpi viene demolito 4-1 sotto i colpi di un grande Del Piero, che trafigge tre volte Barthez. Nella partita di ritorno Lippi può permettersi di tenere in panchina Davids e Di Livio diffidati, ma deve fronteggiare il grave infortunio di Inzaghi dopo pochi minuti. Diawara interviene durissimo su Superpippo e lo travolge colpendolo in faccia e procurandogli una profonda ferita al labbro superiore, poi ricucita con una quindicina di punti. Entra Amoruso, che al quarto d’ora finalizza una splendida invenzione di Del Piero e proietta di fatto la Juve ad Amsterdam. I bianconeri si limitano ad amministrare la qualificazione e quando vanno sotto ci pensa il solito Del Piero con una splendida semirovesciata al volo su cross di Tacchinardi a ricucire il divario.
Ad Amsterdam però la Juve vede i fantasmi dell’anno precedente. Mijatovic la punisce per la quarta volta (Belgrado ’73, Atene ’83, Monaco ’97, Amsterdam ’98) all’atto conclusivo.

servizio a cura di Mario Bocchio

Da Rocchi a Peluso, ecco i primi colpi (pronti) del 2013

Date addio al 2012 ma preparatevi al nuovo anno. Perchè sul mercato si parte subito forte. Il primo affare lo chiuderà l’Inter. Stramaccioni ha scelto: no a Marco Borriello, si a Tommaso Rocchi che svestirà la fascia di capitano della Lazio per calarsi nel ruolo di vice-Milito.
Ora, anche Lotito è stato accontentato. L’Inter spenderà 400mila euro per l’attaccante veneziano, che arriverà ad Appiano per 6 mesi con opzione per la prossima stagione e guadagnerà 800mila euro. Chi, invece, lascerà Milano per tornare in Brasile già nelle prime ore del 2013 è Alexandre Pato. Galliani lo ha detto. Il 3 gennaio può essere il giorno giusto. I contatti tra l’amministratore delegato del Milan e l’agente del Papero, Gilmar Veloz, continuano costanti. Le parti sono d’accordo praticamente su tutto. Il Corinthians è pronto a dare 15 milioni di euro, la cifra è quella richiesta dai rossoneri.
Per Robinho al Santos, invece, c’è ancora incertezza. Si lavora sulle cifre. Il Milan chiede troppo secondo i brasiliani. E’ un affare complicato ma non impossibile. E che arrotonderà il tesoretto da investire in nuovi acquisti. Idee chiare anche a Vinovo, dove presto arriverà il primo rinforzo per Antonio Conte. Federico Peluso è, infatti, ad un passo dalla Juventus che spenderà 1 milione e mezzo per il prestito oneroso. 3 e mezzo – a giugno – per la comproprietà.
Altro difensore che potrebbe cambiare a gennaio è Modibo Diakitè. La settimana prossima, la Lazio incontrerà i suoi agenti per discutere il rinnovo di contratto. L’offerta del Liverpool, però, è molto interessante. Ancor più di quella dei russi del Terek Grozny. Ad Anfield, il francese se la giocherebbe con Agger e Skrtel, non certo due fenomeni. La tentazione è forte ma serve il si di Lotito. Per i grandissimi colpi bisognerà aspettare qualche giorno in più. Intanto, però, i primi botti sono già pronti ad esplodere.

Goleada Sassuolo, pareggio Livorno. Balzo Empoli

Il Sassuolo si rialza e il Livorno rallenta. A quattro giorni dal big match tra le prime due in classifica gli emiliani riguadagnano due punti sui toscani. La squadra di Eusebio Di Francesco regola 5-0 il Cesena (Boakye, Troianiello, Bianchi, Berardi e Masucci) e si porta a 51 punti, a +4 dalla seconda. I toscani invece pareggiano in casa contro la Juve Stabia. Finisce 2-2 con gli amaranto avanti con Dionisi rimontati in avvio di ripresa da Cellini e Di Cuonzo ma capaci di pareggiare con il solito Siligardi.

In zona play off balzo in avanti dell’Empoli che nell’anticipo delle 12.30 vince in trasferta 3-0 (doppio Tavano, nella foto) a Reggio Calabria e si porta a 33 punti, a 4 punti dal Verona, impegnato alle 18 contro il Modena. Tre punti anche per il Brescia. I lombardi dilagano 5-0 in casa contro il Crotone. Apre il polacco Salamon, raddoppia De Maio, chiudono Mitrovic, Corvia e Picci alla prima rete con la maglia delle rondinelle.

Pari sofferto invece per il Varese di Castori. Ad Ascoli i biancorossi raggiungono l’1-1 solo del finale con la rete di Rea, dopo il gol iniziale del bomber Zaza, autore della rete numero 11 della sua stagione in Serie B. Zero punti per il Padova di Franco Colomba. A Lanciano, i veneti perdono 2-1, con la rete decisiva del neoentrato Paghera. Turno non felice anche per i cugini del Cittadella, fermati 1-1 in casa dal Bari di Torrente.

In zona retrocessione vacilla la panchina di Giancarlo Camolese. La sua Pro Vercelli cade al Libero Liberati di Terni. I piemontesi sono sconfitti 4-2 dagli umbri con le reti dell’argentino Alfageme, di Litteri e doppietta di Vitale. Per la squadra dell’ex tecnico del Torino a segno Tiribocchi e Scavone. Male anche il Vicenza di Breda. Veneti ko in casa per 3-2 contro lo Spezia. A segno Porcari, Di Gennaro e Benedetti per gli ospiti, Martinelli e Malonga per i veneti. In fondo alla classifica sprofonda ancora il Grosseto di Menichini che nella sfida salvezza contro il Novara di Aglietti perde 2 a 0 a -10 dal quart’ultimo posto, con una partita in meno.

Lampard mette il terzo posto nelle mani del Chelsea

Pienaar ci prova, e segna dopo solo due minuti. Ma lo stato di salute del Chelsea è ottimo, addirittura superiore di quello dell’Everton, che non perde dal 17 novembre, e si vede anche a Goodison Park. A pmettere la firma sulla quarta vittoria consecutiva è Frankie Lampard, che segna al 42′ e al 72′. Altri 3 punti per i Blues, che sale a -11 dallo United e a -4 dal City, con una partita da recuperare. In campo per chiudere la 22.a giornata Queens Park Rangers-Liverpool.

Storie di calciatori: Michael Mifsud

Michael Mifsud (Pietà, 17 aprile 1981) è un calciatore maltese, attaccante del Valletta. È stato scelto come sportivo maltese dell’anno nel 2001 e nel 2003.
Inizia la sua carriera nelle file dello Sliema Wanderers nel 1997, club con il quale debutta nella Premier League di Malta. Nell’estate 2001, a 20 anni, si trasferisce nel Kaiserslautern.
Dopo due anni passati in Germania, tornò allo Sliema nel mercato invernale della stagione 2003-04, conquistando sia Liga che Coppa. Al termine della stagione, firmò per i norvegesi del Lillestrøm SK, dove restò per quattro stagioni.

Nella foto: con la maglia del Kaiserslautern nel 2003.

Nel dicembre 2006 si trasferisce infine al Coventry City, dove diventa un punto di forza nell’attacco degli Sky Blues. Nel gennaio 2009 viene acquistato in prestito da un’altra squadra del Championship, il Barnsley. Nel giugno 2009 il Coventry City gli ha rescisso il contratto. Dopo un periodo di inattività, ritorna in patria per giocare con il club del Valletta dove mette a segno 7 gol in 7 gare di campionato, vincendo anche la Coppa nazionale. Il 6 luglio 2011 firma un contratto valido fino al 2015 con il Valletta
Ha giocato 88 partite internazionali con la Nazionale di Malta, nelle quali ha segnato 32 gol, questo lo porta al primo posto nella classifica dei massimi goleador della sua Nazionale.

Nella foto: in Norvegia con il Lillestrøm.

Debuttò con la propria Nazionale il 10 febbraio 2000 in una partita giocata contro l’Albania disputata nello stadio Ta’ Qali. Nelle qualificazioni ad Euro 2008 ha segnato 3 gol.
Il 26 marzo 2008, nell’amichevole contra il Liechtenstein, segnò 5 gol nella più grande vittoria nella storia di Malta; il risultato finale è di 7-1 per gli isolani.

Nella foto: con la maglia del Coventry City.

A product of Sliema Wanderers, Mifsud made his debut during the 1997–98 season. In his first season, Mifsud made six appearances and scored once, helping Sliema Wanderers to a third place finish in the Maltese Premier League.
The 1998–99 season saw Mifsud make the breakthrough and become a first-team regular. Mifsud was quickly becoming one of the hottest properties in Maltese football. He made 23 appearances and scored eight goals, as Sliema Wanderers again recorded a third place finish in the Maltese Premier League.

Nella foto: Michael Mifsud e Mario Bocchio durante l’intervista.

Mifsud’s form the previous season led to a trial with English giants Manchester United in July 1999. However, the trial did not lead to a permanent move and Mifsud returned to Sliema Wanderers for the 1999–2000 season. The failure to secure the move to Manchester United did not affect Mifsud, who was in fine goalscoring form for Sliema Wanderers, netting 21 times in 28 outings. The club finished in fourth position in the Maltese Premier League that season.
With interest in Mifsud growing, the 2000–01 season proved to be his last with the club. Mifsud helped the club to a second place finish in the Maltese Premier League, making 25 appearances and scoring an impressive 20 goals.

Nella foto: Mifsud all’Old Trafford contro il Manchester United.

His form earned him his first call up to the national team, and this alerted the Bundesliga club Kaiserslautern to his potential and he signed for the club in the summer of 2001. He was a regular scorer with the B team in the amateur leagues and also made some appearances for the senior team in the Bundesliga, scoring two goals.
Mifsud failed to make the grade with Kaiserslautern A team and his wish for regular first-team football meant he was released in the winter of 2004. He re-signed for Sliema Wanderers for the remainder of the 2004–05 season. Mifsud went on to make 12 appearances and score eight goals, helping Sliema Wanderers to retain the Maltese Premier League title.
In the summer of 2005, he was snapped up by Norwegian Premier League club Lillestrøm, where he was at one stage voted the best foreign player in the league. He was the club’s top scorer in the 2006 season with 11 goals in 19 appearances.

Nella foto: il suo stile di gioco, che impressionò positivamente la Premier League.

On 5 November 2006, the last day of the Norwegian League, he declared that he has set his heart on a move to one of the top European leagues. The previous summer, Lillestrøm had turned down an offer for Mifsud from English club Coventry City despite knowing that the striker would be able to move for free in January 2007 as his contract was due to run out at the end of December.
He declined to renew his contract with Lillestrøm to fulfill his wish to turn out for a club in a major European league.
Mifsud was spotted by the ex-manager of Coventry City, Micky Adams, as he was looking for new strikers in Norway. On 10 January 2007, Mifsud signed a two-and-a-half-year deal with Coventry City in the Football League Championship in England. However, Adams was sacked two days later. Mifsud made his début for Coventry City on 13 January 2007 in a Football League Championship match at home to Crystal Palace.
Mifsud scored his first goal for Coventry City on 22 January 2007, after coming on as a substitute in an away game against Plymouth Argyle. He then scored his second goal for Coventry in 4–1 defeat of Barnsley. He also scored at Turf Moor on 6 May 2007 against Burnley. During another impressive display, he scored a goal against Sheffield Wednesday and won the goal of the season for Coventry City.

Nella foto: in azione con la Nazionale maltese.

In the third round of the 2007–08 League Cup, on 26 September 2007, Mifsud scored two goals to give Coventry City an unexpected 2–0 victory over Premier League champions, Manchester United, his boyhood team, at Old Trafford. La Gazzetta dello Sport nicknamed him as Il Messi di Malta after the match.
After this success, Mifsud continued to excel. He was instrumental in Coventry City’s draw with Charlton Athletic on 29 September 2007, scoring his third goal in two games. On 2 October 2007, Coventry City secured a 3–1 league win against Blackpool, the second goal again coming from Mifsud. In this same match, Mifsud was fouled in the box and the resultant penalty was scored by Coventry City’s Michael Doyle. Furthermore, Blackpool’s Kaspars Gorkss was shown the red card for a foul on Dele Adebola, after a Mifsud through ball.
On 12 November, Mifsud was sent off after 11 minutes of a Midlands derby against West Bromwich Albion, after elbowing Carl Hoefkens in the face. Mifsud later apologised for the elbow on Hoefkens. On 4 December, Mifsud returned from his three-match ban to face West Bromwich Albion again. Mifsud scored two goals and increasing his tally to 15 goals for the season with the Sky Blues.

Nella foto: con il Qormi.

On 5 January 2008, Mifsud scored two goals in the FA Cup in Coventry City’s thrashing of Premier League Blackburn Rovers at Ewood Park. For his performance, Mifsud was named as the player of the third round by visitors to the Football Association’s website, for which he was made a guest of the FA at the 2008 FA Cup Final. On 26 January, Mifsud scored Coventry’s second goal in their FA Cup fourth round win against Millwall.
On 23 April 2008, Mifsud was named as the runner-up for the Coventry City player of the year award by the clubs’ fans. The winner was Jay Tabb, who scored 84% of the votes. However, Mifsud got most of the remaining 16%.
On 23 July 2008, Coventry City accepted an undisclosed bid for Mifsud from Bristol City. On 29 July 2008, Bristol City announced that, following negotiations, in which manager Gary Johnson questioned Mifsud’s commitment, they would not be proceeding with his signing. After a string of good performances, Mifsud eventually worked his way back into the Coventry City side. Mifsud failed to hit the back of the net regularly during his last season, as he was mostly played as a winger. On 30 June 2009, Mifsud’s Coventry City contract expired and he was subsequently released after becoming surplus to requirements by manager Chris Coleman.
Mifsud joined Barnsley on loan until the end of the season on 2 February 2009 on the same day as Andranik Teymourian and Adam Hammill joining fellow Malta team-mate Daniel Bogdanovic at Oakwell. On 10 March 2009, Mifsud scored his first goal for his new club in a 1–1 draw at Oakwell against Birmingham City. Mifsud scored his second goal for Barnsley on 18 March 2009, scoring the third goal in a 3–1 win against Crystal Palace.
Mifsud remained a free agent for the last half of 2009 and the start of 2010, even though he was still an automatic choice for the national team. He finally joined Maltese club Valletta until the end of the 2009–10 season.

Nella foto: il passaggio alla Valletta.

He made his debut for Valletta on 19 March 2010, against Qormi leaving his mark in the Citizens’ 3–0 win. Mifsud scored the third goal with a placed first timer. He failed to score in what would prove to be the decisive game against Birkirkara in the following round, but then scored consecutive hat-tricks against Tarxien Rainbows in the league and against fierce rivals Floriana in the 100 Anniversary Cup Final. He scored a goal in each of the following three Premier Division games, before again failing to score against Birkirkara. He finished the season with seven goals in seven Premier Division games, two goals in three MFA Trophy games, four goals in two MFA Anniversary Cup games – a total of 13 goals in 12 games.

Nella foto: protagonista con il più popolare e blasonato club di Malta: il Valletta.

After his brief stint with Maltese club Valletta at the end of the 2009–10 season, Mifsud once again became a free agent. There were speculations that he wanted to resume his career in England or another country. Mifsud reportedly received interest from Chicago Fire of Major League Soccer in America, Benfica, from various clubs in the Italian Serie B and was even offered a contract by AEK Larnaca, besides being linked with a possible return to Valletta.

Nella foto: Mifsud premiato con la maglia della Nazionale.

Michael Mifsud was to sign with Floriana on 30 January 2010. This move did not materialise and led to the resignation of Floriana’s president, Johann Said. However, the player finally reached an agreement with Qormi with whom he will play until the end of the Maltese football season. Mifsud debuted for Qormi with a hat trick and a man of the match performance against Birkirkara. The match finished 4–1 for Qormi. The following round saw him failing to score in Qormi’s 2–2 draw against Marsaxlokk, a result that meant Qormi would have to play in the relegation pool.
On 5 July 2011, after much speculation about his future, Mifsud signed for Valletta, penning a four-year contract. He won the 2011–2012 season of the Maltese Premier League with Valletta, scoring 12 goals in 24 appearances. Included in this was a strike in Valletta’s 3–0 defeat of former club Sliema Wanderers on 29 April, to secure his side’s 21st national championship. On 3 July 2012, he scored four goals in an 8–0 thrashing of Lusitanos in the first qualifying round of the Champions League.

Nella foto: capitano della Nazionale maltese contro l’Italia, in occasione delle qualificazioni per i Mondiali del 2014 in Brasile.

Mifsud made his first appearance under Josip Ilić’s Malta national team on 10 February 2000 against Albania in the National Stadium, Ta’ Qali.
He is considered as one of the most prominent players Malta has ever produced. He was instrumental in Malta’s victory against Hungary in the Euro 2008 qualifiers, the country’s first competitive home victory since 1982.
On 27 March 2008, Mifsud scored five goals for Malta in a 7–1 friendly win over Liechtenstein, completing a hat-trick within just 21 minutes of the kickoff. On 3 March 2010, he surpassed Carmel Busuttil’s goalscoring record with the national team, as Mifsud hit the back of the net for Malta in an exhibition match against Finland, which finished in a 1–2 loss for the locals.

servizio a cura di Mario Bocchio