De Gea resta a casa, Mc United e Real alla ridicola guerra dei manager (suscettibil

de-gea-640x333Inghilterra e Spagna tornano a far la guerra. Sponda inglese presidiata dai diavoli rossi dell’olandese allenante Louis Van Gaal, lato spagnolo la Invincibile Armata del Real Madrid. Oggetto del contendere non più il predominio dei mari, niente di così prosaico. Botte, risposte, repliche e sediate mediatiche perchè le due società si contendono i servizi di David De Gea, portierone della discordia che – alla fine della fiera – non s’è più potuto muovere da Manchester perchè Big Ben aveva detto già stop.

Sul campo di battaglia c’è un’ecatombe di quattrini, tipo 29 milioni di sterline. E un ragazzotto saracinesca della Costarica meravigliosa del mondiale brasiliano dell’anno passato, Keylor Navas. Che aspetta e forse non sapeva nemmeno cosa stava accadendo. I Red Devils e il Real Madrid si sono scambiati contumelie e convenevoli in dieci punti, ciascuno. Manco fosse un incontro di boxe o una più banale scazzottata coniugale per la serata con i suoceri che salta. Colpa tua, io ti ho mandato i documenti in tempo, hai voluto inserire le clausole e mi hai fatto trovare il sistema ormai inaccessibile. Quando mai, tu hai voluto tirare tardi, non hai chiamato per tempo e io manco te lo volevo vendere De Gea. E via comunicando.

Le accuse che si stanno tirando Real e United sono da Bar Sport, però imbandierato a sciantoso Billionaire. Non son certo parole che stanno bene quelle dette dai vanagloriosi manager in giacchetta che straparlano sempre e solo di fair play e passione per scroccare ai gonzi (tra cui chi vi scrive) l’ennesimo abbonamento. Dagli uni (gli inglesi) ci si aspetterebbe un algido distacco, dagli altri (gli spagnoli) una certa arrogante superiorità. Marca, forse, ha centrato bene i termini della vicenda: Ridiculo. Sì, perché manager che fanno saltare contratti megamilionari se mandano (o ricevono) tardi una mail, un fax, un twitt si difendono e fanno pure i risentiti. Ah, fossero stati dei semplici impiegati.

 

(rassegna stampa, Barbadillo.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *