Disastro giallorosso, la furia della Juve schiaccia la Roma

JUVENTUS-ROMA 4-1
11′ Pirlo (J), 16′ rig. Vidal (J), 19′ Matri (J), 68′ rig Osvaldo (R), 90′ Giovinco (J)

Juventus-Roma doveva essere la partita della sesta giornata. Doveva, appunto. Perché la partita non c’è mai stata. O meglio, la partita l’ha giocata solo la Juventus che ha dominato in lungo e largo un avversario mai all’altezza e apparso per lunghi tratti spaesato e in completa balia dei bianconeri. I giallorossi hanno mostrato tutte le loro debolezze, soprattutto in difesa. Tre gol, due traverse e tutta la difesa giallorossa ammonita in 35 minuti rispecchiano appieno il paradosso zemaniano.

Il tanto atteso anticipo dello Juventus Stadium finisce 4-1. Pirlo, Vidal e Matri chiudono la pratica giallorossa in soli 19’. E il risultato poteva essere ben più pesante e rotondo. I bianconeri hanno sfiorato la quarta rete in almeno cinque circostanze. La rete della bandiera di Osvaldo su rigore al 68’ serve a poco o nulla. Perché la Roma non c’è, nonostante la verve messa in campo da Florenzi e dai subentranti Marquinhos e Destro. Al 90′ poi arriva anche la rete del definitivo 4-1 di Giovinco.

Peggior ritorno a Torino per Zeman non poteva esserci. Dallo Juventus Stadium il tecnico boemo esce fischiatissimo, sconfitto sul campo e nell’orgoglio: la sua Roma non va. Dall’altra parte invece, la Juve ribadisce ancora una volta la sua solidità, neppure scalfita dalla non bellissima prestazione di Firenze di martedì scorso. Gli uomini dello squalificato Conte giocano e vincono con una facilità disarmante. Il Napoli è avvisato, a Marassi dovrà vincere se vorrà riagganciare in vetta alla classifica i bianconeri, ora a quota 16 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *