Toro, solo pari a Genova

GenoaToroPareggio anche nel secondo anticipo di serie A. Come successo tra Parma e Bologna, anche Genoa e Torino escono dal campo sull’1-1: gol di El Kaddouri e Biondini. Un palo per parte, Perin decisivo in diverse occasioni.
Giampiero Ventura ha analizzato il pareggio di Genova, arrivato al termine di una prestazione convincente.GlikGenoa
Probabilmente qualche anno fa avrebbe sbranato i suoi giocatori e la panchina per le occasioni mancate e, forse, la rabbia è interiore. Può bastare un bel Toro per questa volta?: “Ho fatto due volte un gesto è sono stato espulso, quindi, oggi sono stato assolutamente immobile”.
“Giocare a Genova contro un Genoa in salute non è facile – ancora Ventura -. Il Genoa arrivava da tre vittorie consecutive e da un pareggio importante in 10 contro 11 a Milano, quindi, aveva un grande entusiasmo. Direi che abbiamo fatto una partita di calcio con la c maiuscola, abbiamo creato palle gol pulitissime, 12, 13 tiri in porta, 5 o 6 palle gol soli davanti al portiere, abbiamo subito un tiro in porta. È evidente che c’è da un lato il rammarico per il risultato, e credo che questo nessuno me lo può contestare, mentre c’è, invece, soddisfazione, non per la prestazione, ma per la crescita di questa squadra. Potevamo venire qui sperando di fare risultato e, invece, siamo venuti qui volendo il risultato pieno attraverso il gioco. Giocare contro il Genoa non è facile, quindi, aumentano i meriti dei miei giocatori. Poi, è chiaro che con tante palle gol a disposizione, non vincendo, forse, dobbiamo aumentare il cinismo. Però, non posso dire che bravi. Bravi perché ogni volta che il Genoa sbagliava un passo noi puntualmente li punivamo, abbiamo creato delle voragini, abbiamo creato delle situazioni pulitissime”.GomisGenoa
Ventura incredulo per il portiere genoano: “Bravissimo Perin, perché ha fatto alcune parate incredibili, altre mi sembravano già dentro e mi sembra impossibile che non entrassero, sinceramente. Non so cosa dire. Tutto questo per elogiare la mia squadra perché, ripeto, è in crescita costante. In crescita proprio sul piano delle conoscenze, dell’interpretazione degli spazi. Credo che se questo gruppo continua così, con la stessa umiltà, la stessa voglia di crescere ulteriormente, può darsi che poi verranno a vederli”.
A chi si riferisce con il verranno a vederli? Anche a Prandelli?: “In generale, quando una squadra fa qualcosa d’importante o di particolare, poi è sempre oggetto di parole, no? Per quanto riguarda la Nazionale, ne abbiamo già mandati sei o sette, c’è tempo ancora, ci sono dei mesi, quindi. Se continuano a lavorare così, c’è spazio anche per altri, secondo me”.ImmobileGenoa
Gian Piero Gasperini, il tecnico rossoblu, si tiene stretto questo sofferto pareggio: “Siamo contenti della nostra classifica che vede dietro squadre importanti, a cominciare dal Torino. Per noi è un merito fare questi risultati. E’ chiaro che abbiamo bisogno di crescere e di migliorare con i nostri giocatori. Nel secondo tempo abbiamo fatto decisamente meglio anche se nel finale abbiamo perso alcuni palloni e abbiamo concesso qualcosa, però i ragazzi sono statti encomiabili. In questa partita volevamo confrontarci a viso aperto. In casa volevamo correre dei rischi ma crearne anche a loro. Lo abbiamo fatto poco nel primo tempo, attaccando male. Nel secondo tempo è andata meglio. Oggi ci è servito per vedere che potenzialità abbiamo, se dobbiamo giocare più offensivi o dobbiamo subire un po’ di più”.

(mbocchio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *